Le attività di Ottavo Reparto

…perché entrare e perché restarne fuori…

La Società dell’Ottavo Reparto persegue le proprie finalità sociali attraverso la raccolta di testimonianze, documenti e materiali di pertinenza del periodo storico che va dal periodo preunitario ai giorni nostri.

Per fare questo organizza seminari, promuove mostre tematiche e riunioni conviviali o celebrazioni commemorative in presenza dei testimoni di accadimenti storici o dei loro famigliari. Periodicamente si organizzano trasferte finalizzate alla visita di musei, sacrari e luoghi in cui siano accaduti fatti storici la cui conservazione della memoria è per Ottavo Reparto un fatto di rilevante importanza.

Da oltre un secolo dalla sua prima fondazione, la Società dell’Ottavo Reparto compie la propria opera di ricerca e conservazione della memoria storica con costante passione ed impegno ma al tempo stesso con discrezione.

Nel corso dei decenni, Ottavo Reparto ha promosso centinaia iniziative culturali a carattere storico. Le delegazioni dell’Associazione hanno partecipato a decine di commemorazioni; dallo sbarco in Normandia ai sacrari di Maleme in Grecia, da Donetsk in Ucraina a Byalistok in Polonia ed ancora Casablanca in Marocco e molti altri luoghi storici.

2011 Remagen - Visita al Museo del Ponte Ludendorff
2017 Berlino (DE) - Visita al Museo Karlshorst

Sono state promosse ricerche archeologiche sull’appennino tosco emiliano, sulle dolomiti del Tirolo Italiano ed Austriaco, in Polonia, in Germania ed in Ucraina e si è prestata collaborazione alla realizzazione di molte altre iniziative di tipo archeologico mediante le ricerche con Metal detector, georadar e con l’ausilio delle testimonianze dei reduci e degli abitanti dei luoghi che si sono potuti visitare.

I membri dell’associazione hanno offerto consulenza ed assistenza per la stesura di testi storici, per l’allestimento di Musei e mostre temporanee ed ha dato supporto per la produzione di cortometraggi destinati alla realizzazione di documentari.

Tutte le testimonianze senza distinzione alcuna, vengono raccolte metodicamente. Dai reduci di guerra, ai testimoni diretti ed indiretti di eventi correlati a fatti storici. I ricordi di chi è stato bambino nel dopoguerra, i racconti dei nipoti, le lettere e le fotografie d’epoca custodite dai familiari, sono tutte fonti preziose per i ricercatori dell’associazione.

Ostentare il proprio operato non è però nella natura di chi è membro della Società Ottavo Reparto.

I luoghi cari ai ricercatori sono gli Archivi di Stato, i Centri Documentali, le Biblioteche, i Sacrari, i Musei ed ovunque ci sia qualcosa o qualcuno che possa tramandare alle future generazioni una testimonianza tangibile di ciò che ha significato per le generazioni passate dover affrontare un periodo così drammatico come quello trascorso nel XX secolo.

La Società dell’Ottavo Reparto è accreditata presso ministeri ed enti pubblici in Italia ed in Europa. Lo staff è conosciuto tra le istituzioni ed è fiero di essere sinonimo di serietà, trasparenza e credibilità.

Uno dei nostri soci controlla un'area con un Metal Detector

Ottavo Reparto si autofinanzia da sempre. Uno dei punti d’orgoglio dell’entourage è senza dubbio quello di poter dire che MAI un solo euro speso provenisse da fondi pubblici. Ogni iniziativa, mostra, spedizione, gita o grigliata, è stata pagata con i fondi di cui i singoli partecipanti potevano disporre.
La sede stessa dell’Ottavo Reparto è proprietà dell’associazione, ed il suo allestimento, durato oltre 5 anni di lavori, è stato possibile grazie allo sforzo dei soci e grazie alla loro generosità.

2008 Calgary (Canada) - Visita al Military Museum
2018 Firenze - Visita al Cimitero Militare Americano ed al Sacrario della Futa

Le finalità sociali sono da sempre portate avanti in silenzio e per passione. L’obiettivo al quale si punta non è quello di arrivare a migliaia di iscritti, ma la mentalità è quella di rimanere aperti a nuovi arrivi, a patto che chi entra in questo mondo sia disposto a sposare la filosofia che da sempre caratterizza l’operato della Società.

Se sei quindi interessato a ciò che fa la Società dell’Ottavo Reparto, se vorresti aggregarti a qualche iniziativa futura o se hai qualche idea, materiale o storie da proporre e raccontare, prendi contatto con la segreteria e fornisci il tuo numero di telefono e i tuoi dati anagrafici. Saremo lieti di contattarti e di mostrarti cosa facciamo.

Se sei però in cerca di un “palco”, o se pensi che la nostra struttura possa essere il trampolino di lancio per chissà quale fantasioso progetto su vasta scala, ti ringraziamo per aver pensato a noi, ma ti invitiamo a contattare qualche altra associazione di certo più interessata di noi a format che offrano visibilità e popolarità.

2005 Cracovia (PL) - Visita alla Fabbrica di Oskar Schindler
2008 Alfonsine (RA) - Visita del Museo

La missione di Teresa Barbieri nel 1919 è ancora il nostro credo oggi; non dimenticare mai, e non escludere nessuno. Per chi ha tempo e voglia di fare, le occasioni non mancano. Non passa anno in cui non si organizzi una gita sociale, la consueta grigliata estiva, la cena di fine anno, le cerimonie commemorative, qualche esposizione tematica e molto altro.

In oltre un secolo di vita abbiamo maturato una grande esperienza in fatto di relazioni sociali. Abbiamo avuto una vasta schiera di entusiasti “un po’ confusi”, ma anche i falsi reduci, finti invalidi ed i finti moribondi addirittura. C’è stato chi ha cercato di rovinare ciò che fin qui era stato costruito, anche se non abbiamo capito perché. C’è stato chi ci ha derubato e chi ha approfittato della generosità di chi ci aiuta in modo disinteressato oramai da decenni.

Ottavo Reparto però è ancora qui e la fiducia che ancora vogliamo riporre in chi si avvicina a noi con serietà non è diminuita nonostante tutto.

2009 Normandia - Cerimonia con i veterani
2013 Norimberga - Visita al tribunale

Tutti questi preamboli non sono tesi ad allontanare chi fosse attratto dalle attività. Ci dispiace se questo apparente “mettere le mani avanti” ci rende antipatici agli occhi di tanti, ma siamo convinti che senza un po’ di impegno e senza un approccio serio a ciò che si vuole fare, qualsiasi iniziativa non potrà che essere deludente, sia per chi entra sia per noi che apriamo la porta.

Se queste parole non hanno fatto diminuire il vostro entusiasmo mandate una mail a info@ottavoreparto.it Raccontateci perché vorreste iscrivervi. Diteci chi siete, da dove proviene il vostro interessamento, o se già lo fosse, la vostra passione.

Inizieremo mandandovi qualche invito per gli appuntamenti in occasione dei quali ci sia una maggiore possibilità di conoscersi ed un minore impegno di tempo o di denaro sia per voi sia per noi. E come si suol dire: “se son rose fioriranno”.

Auschwitz 2005
2010 Modena - Sopralluogo in zona combattimenti con un reduce

Sembrerà curioso ma nell’era del “tutto è facile e lo puoi avere subito” a noi piace complicare un po’ le cose, Siamo sicuri che solo quello che costa fatica, impegno e sacrificio, alla lunga dia soddisfazione.

2002 Isola di Creta - Visita al Sacrario di Maléme

Come chi una Laurea se la merita studiando e non la va a comprare in qualche paese lontano ed alla fine può essere davvero orgoglioso di dirsi Dottore;

Come chiunque mette il proprio impegno per arrivare ad un traguardo VERO e non ad una voglia del momento da prendere come qualcosa di “usa e getta”.
Allo stesso modo noi vogliamo che siate orgogliosi di far parte di un’associazione che sia al di fuori della “schiuma” delle decine di migliaia di associazioni (non tutte! …precisiamo) che oggi crescono come funghi.

Se questa nostra apparente volontà di “demotivare” chi si avvicina ci farà rimanere in pochi, pazienza. Quei pochi saranno i più convinti e se avrete occasione di conoscerci vi accorgerete del perché lo siano.

Un’ultima cosa davvero importante. Abbiamo intervistato gli ex partigiani, gli ex repubblichini, qualche criminale di guerra ed i famigliari dei martiri del nazifascismo. Non simpatizziamo per chi ha nostalgia di qualsiasi regime o periodo storico in cui sia stato violato il diritto naturale alla libertà, indipendentemente dalla bandiera o dal colore politico in nome del quale questo sia stato fatto. La politica resta fuori dalla porta di casa nostra. Noi amiamo la storia e lo facciamo in modo oggettivo, per quanto questa possa apparire cruda o magari scomoda, purché essa sia sempre e solo fonte di verità.

Se oggi dirsi italiani, avere un senso della Patria, del Territorio, della Fratellanza che accomuna gente con un passato storico simile seppur controverso vuol dire essere etichettati con qualsiasi tipo di classificazioni, fate pure, la cosa non ci riguarda e a dire il vero ci interessa pure poco.